SOS Ragazzi: 11 mila firme al Presidente Mattarella

Nella giornata di oggi SOS Ragazzi ha consegnato al Palazzo del Quirinale le 11.142 firme raccolte per chiedere al Presidente della Repubblica di non firmare il ddl unioni civili.

“In poche settimane migliaia di persone hanno risposto al nostro invito ad appellarsi al Presidente della Repubblica: si tratta di migliaia di cittadini che hanno deciso di far sentire la propria voce direttamente alla più alta carica dello Stato per chiedere il suo intervento per fermare questa legge,” spiega Andrea Lavelli, responsabile della Campagna. “Desideriamo sottoporre al Presidente la nostra preoccupazione non solo per le modalità profondamente antidemocratiche con cui questo ddl è stato imposto al Parlamento, ma soprattutto per il palese tentativo di decostruire il concetto di famiglia che questa legge porta in sé”.

Nei giorni scorsi il Presidente della CEI, il cardinale Angelo Bagnasco, ha affermato che questa legge “sancisce di fatto una equiparazione al matrimonio e alla famiglia […] in attesa del colpo finale – così già si dice pubblicamente – compresa anche la pratica dell’utero in affitto, che sfrutta il corpo femminile profittando di condizioni di povertà”.

“Sottoscriviamo in pieno queste parole e per questo ci appelliamo al Presidente Sergio Mattarella perché non permetta che venga snaturata e distrutta la famiglia così come riconosciuta dalla nostra Costituzione come ‘società naturale fondata sul matrimonio’ e non firmi questa legge che non solo istituisce e riconosce giuridicamente le unioni omosessuali, ma le equipara nella sostanza al matrimonio, lasciando aperto un importante spiraglio per l’approvazione dell’adozione omosessuale per via giuridica e, implicitamente, dell’utero in affitto,” conclude il responsabile di SOS Ragazzi.

“Chiediamo al Presidente Mattarella di non rendersi complice di questa legge così lesiva per la famiglia: gli chiediamo un atto di coraggio e di ergersi a custode e difensore della famiglia, della Costituzione e del diritto di ogni bambino a crescere con un padre e una madre”.

Cookies Policy

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.